SINGOLI
IO NON SONO RAZZISTA, MA...
BIO

Stefano Cinti è nato a Roma e attualmente vive a Bruxelles dove ha avuto l'opportunità di suonare con musicisti italiani, belgi e africani, spaziando dal jazz al samba, dal pop alla musica folk, passando per la musica del mondo. Le sue canzoni prendono spunto dalla quotidianità, da fatti accaduti che descrive con ironia e realismo. Suona la chitarra e le percussioni (tamburello, tammorra e bodhran) e nei suoi brani fa spesso uso di tecniche di canto scat e beatbox. Le sue esibizioni dal vivo sono un ‘quasi cabaret’ con l'obiettivo di divertirsi e divertire e al contempo di lanciare messaggi ambientali e sociali supportati anche dalla sua formazione professionale e dalle attitudini personali.  
 
Ha partecipato a vari festival della canzone a livello nazionale tra cui di recente il festival Cantautori ICOnA 2022 arrivando in finale con il brano “Vienimi a cercare” e il ‘Premio Nazionale per la Canzone d'Autore Emergente (XI) - Premio Città di Quiliano’ (2021) per il quale è stato ammesso alle preselezioni. È stato finalista al ‘Bengio Festival’ (1999) con il brano “Eclissi solare”. Stefano ha pubblicato due CD dal titolo “Racconti musicali” (2017) e “Racconti musicali 2” (2019). Negli ultimi anni ha realizzato anche due videoclip, “22 marzo 2016” (2018) e “La fine del mondo” (2020) con i quali ha partecipato a film festival nazionali e internazionali ottenendo vari riconoscimenti incluso il titolo di miglior video musicale in otto manifestazioni. Un nuovo brano dal titolo “Io non sono razzista, ma…” e il relativo video musicale sono attualmente in fase di promozione.
 
Stefano è attivo anche come autore di musica e testi per l’infanzia sia in Italia che all’estero. In particolare, ha partecipato in rappresentanza dell'Italia (nomina del Dublin Institute of Culture) all'evento ‘Cork 2005 Capitale Europea della Cultura’ - ‘Celebration of Childhood’ presso la biblioteca della città di Cork con il racconto musicale 'Rex the simpatirex'. Ha continuato la sua attivita’ di storytelling (nomina del Dublin Institute of Culture) in diverse scuole irlandesi (2005-2007) con tre storie musicali: ‘Rex the simpatirex’, ‘Bille’ e il tamburo magico’, ‘Chi ha rubato il vestito di Babbo Natale?’ nonché all'Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles con il racconto 'Billè e il tamburo magico' (2013). Al riguardo, un suo libro: ‘I racconti della vasca colorata’ ed. Il calamaio, (2003) è stato inserito nel catalogo nazionale dei libri per ragazzi: "Liber Database 2004" della Biblioteca Gianni Rodari.